Il Progetto Scientifico

Gli obbiettivi della FER sul lungo termine

CREARE UN ARCHIVIO DIGITALE

La salvaguardia del patrimonio audiovisivo di Enzo Regusci grazie alla digitalizzazione e alla costituzione di un archivio digitale destinato alla valorizzazione didattica, scientifica e culturale

VALORIZZARE IL PATRIMONIO FER

Favorire le relazioni con il mondo accademico e dell’insegnamento per incentivare la valorizzazione didattica del patrimonio audiovisivo FER

STABILIRE PARTNERSHIP

Stabilire partnership con broadcaster, innanzitutto con la RSI, per la digitalizzazione e la valorizzazione del materiale prodotto da Enzo Regusci i cui diritti appartengono ai primi

VENDERE IL MATERIALE

Incentivare la vendita di materiale d’archivio i cui diritti appartengono alla FER per finanziare i diversi progetti scientifici della FER

Il progetto scientifico

L’obbiettivo primario della FER è la salvaguardia del patrimonio audiovisivo costituito dal fondo Enzo Regusci, ovvero la digitalizzazione delle opere audiovisive e fotografiche in un primo passo, e poi la costituzione di un archivio digitale multimediale che costituirà la base delle attività di valorizzazioni future. Creare un archivio è un processo lungo e complesso che richiede competenze e know how molto specializzati. Necessita quindi di investimenti notevoli, questo spiega perché abbiamo deciso, come si fa spesso nel campo degli archivi audiovisivi, di procedere passo dopo passo, con dei progetti mirati di dimensioni relativamente contenute.

Ecco il resoconto della situazione dei nostri diversi progetti di salvaguardia

  • Il progetto di restauro degli apparecchi di lettura e di digitalizzazione per i MAZ 1’’ effetuato da Adolfo Guzzetti e dalla sua azienda AG Video.

COMPLETATO

  • Ricupero del materiale multimediale presente nel materiale informatico di Enzo Regusci

COMPLETATO

  • La digitalizzazione del materiale audiovisivo proveniente dell’archivio FER per il programma televisivo Riuniti per Natale (1963-1974), un programmi prodotto da Enzo Regusci per la SRG SSR o per le sue unità aziendali.

IN FASE DI CHIUSURA

  • Progetto di salvaguardia delle videocassette FER in pericolo in collaborazione con Memoriav e RSI

IN FASE DI APERTURA

Il progetto di restauro degli apparecchi di lettura e di digitalizzazione dei MAZ 1’’

realizzato da Adolfo Guzzetti

L’obbiettivo di questo primo progetto è quello di acquisire le competenze e il know how sulla digitalizzazione dei MAZ 1’’. Grazie alle sue conoscenze e alla sua passione, Adolfo Guzzetti ha potuto restaurare diversi apparecchi e ha potuto quindi digitalizzare un primo pacchetto di 107 MAZ 1’’. Questo primo pacchetto è stato elaborato secondo il criterio dello stato del supporto fisico, il nostro tecnico ha quindi scelto supporti in stato particolarmente scarso e ha potuto sviluppare processi per il ricupero e la salvaguardia dei contenuti. La RSI (Radiotelevisione svizzera) ha gentilmente autorizzato la FER a sfruttare la sua macchina di pulizia dei nastri MAZ 1’’, tappa indispensabile prima della digitalizzazione. Si può visionare video illustrando il lavoro di ricupero di MAZ sul canale youtube di AG Video.

Ricupero del materiale multimediale presente nel materiale informatico di Enzo Regusci

Durante l’inventario del materiale audiovisivo di Enzo Regusci, abbiamo scoperto numerosi hard disk contenendo un’infinità di cose diverse. Tra queste cose si è notato un interesse crescente per le tecniche di digitalizzazione dei documenti audiovisivi e la loro salvaguardia in formato digitale.

 

In effetti Enzo Regusci si era appassionato per l’argomento con una volontà crescente di salvaguardare il suo operato, un sentimento ormai condiviso da numerosi produttori audiovisivi in fine carriera. Aveva quindi fatto diverse prove ed esperimenti. Abbiamo quindi ritrovato e salvato diversi di questi esperimenti come testimonianza della volontà di Enzo di salvaguardare la sua opera.

Digitalizzazione del materiale audiovisivo FER di programmi SRG SSR come Riuniti per Natale

Si tratta per la FER di un progetto pilota per la digitalizzazione delle pellicole 16mm. La digitalizzazione è stata realizzata dalla Vario Film SA secondo gli standards Memoriav, standard di riferimento in Svizzera nel campo degli archivi audiovisivi. La digitalizzazione di un materiale così vecchio ha permesso alla FER di confrontarsi con le problematiche classiche nel campo della digitalizzazione, ovvero ad esempio la sindrome dell’aceto, la corrispondenza tra pellicola e nastro audio, oppure la documentazione errata del materiale. Abbiamo effettuato un test con due pellicole 16mm digitalizzate dalla Vario Film SA. Anche se la qualità dell’immagine è ottimale, ci siamo accorti che l’audio non corrisponde alle immagini, nonostante le indicazioni scritte sulle scatole dei supporti. Abbiamo quindi dovuto sviluppare strategie per risolvere questo problema, tuttavia ha fatto salire i costi e abbiamo dovuto ridimensionare la quantità di materiale digitalizzato..

Questo progetto è stato inoltre pilota anche per quanto riguarda il nostro partnership con la RSI, partner imprescindibile visto che Enzo Regusci ha lavorato molto con essa. Abbiamo in nostro possesso un numero notevole di opere realizzate da Enzo Regusci per il conto della RSI: la FER possiede i supporti fisici che contengono le opere mentre la RSI ha i diritti d’autore e di utilizzo. Nel caso di Riuniti per Natale, ci siamo inoltre accorti che del materiale originale è stato mescolato, e quindi una parte si trovava negli archivi RSI e un’altra nel nostro. Abbiamo quindi cercato di definire insieme i termini di una collaborazione del tipo win-win.

Per questo progetto particolare, dopo averci aiutato a ricostituire originali per la digitalizzazione, la RSI è stata anche attiva nella fase finale del progetto, ovvero la documentazione delle opere digitalizzate e la loro archiviazione presso il catalogo multimediale CMM dell’organismo di diffusione. L’accesso del pubblico alle opere potrà essere fatto presso le biblioteche del canton Ticino tramite il progetto della RSI Mmuseo o sul loro sito internet.

 

http://www.rsi.ch/la2/programmi/cultura/superalbum/Riuniti-per-Natale-4238561.html

 

Le opere Riuniti per natale sono anche disponibili sulla piattaforma lanostrastoria.ch

http://www.lanostrastoria.ch/medias/90443

http://www.lanostrastoria.ch/medias/90442

http://www.lanostrastoria.ch/medias/90469

Salvaguardia di massa del patrimonio video Regusci : prima fase di 500 cassette

Questo progetto costituisce la fase iniziale del nostro ambizioso progetto di salvaguardia di massa delle videocassette della FER, in collaborazione con Memoriav e Variofilm SA. In effetti abbiamo 3793 cassette da salvaguardare siccome sta iniziando il processo di deteriorazione dei supporti analogici. Per la prima tappa abbiamo fissato come obbiettivo di salvaguardare 500 cassette.

 

La prima fase di questo progetto è la prima tappa della nuova strategia sul lungo termine di salvaguardia della Fondazione.  Il nostro obbiettivo è quello di raggiungere una massa critica di documenti salvaguardati per consolidare l’infrastruttura informatica e amministrativa della FER. Ci permetterà inoltre di liberare del prezioso spazio nei nostri locali di Quartino per iniziare il lungo lavoro di analisi di tutte le pellicole in nostro possesso siccome ci siamo accorti durante il progetto Riuniti per Natale che le informazioni a nostra disposizione sono incomplete.

 

Questo progetto, che dovrebbe cominciare entro la fine dell’anno, verrà accompagnato di una campagna di raccolta fondi per aiutarci nell’appassionante ma costosa operazione. Se siete interessati alla salvaguardia del nostro patrimonio, potete senz’altro contattarci per fare parte dei sostenitori della FER. Sotto potete trovare un volantino che spiega il progetto.

 

Volantino Savaguardia cassette 2017

7000
Supporti video
2000
Film 16 e 35 mm
5000
Cassette
107
Nastri MAZ 1

Iscriviti alla nostra newsletter

Partner istituzionali

Istituto Media e Giornalismo della Facoltà Scienze delle comunicazioni, Università della Svizzera italiana (USI)

Radiotelevisione svizzera (RSI)

Memoriav

Contattaci

Fondazione Enzo Regusci

    Via Ai Ronchitt 22, 6575 S. Nazzaro (TI), Svizzera

    +41 (0)91 7941326, +41 (0)76 6939632